Palazzo Ducale, Venezia

Palazzo-Ducale-VeneziaIl Palazzo Ducale di Venezia è una delle principali attrazioni di questa favolosa cittadina italiana. Il palazzo era un tempo la residenza del Doge di Venezia, che era praticamente la suprema autorità della repubblica veneziana. E’ stato trasformato in un museo ed aperto al pubblico nel 1923 ed oggi fa parte della Fondazione dei Musei Civici di Venezia (assieme ad altre 10 strutture).

L’esterno del museo, quello che si affaccia sulla laguna, è decorata con delle sculture del 14esimo secolo realizzate da Filippo Calendario e da diversi artisti lombardi, come Matteo Raverti e Antonio Bregno. La porta principale di accesso al museo, ovvero Porta della Carta, fu costruita da Giovanni e Bartolomeo Bon, tra il 1438 e il 1442.

Oggi il Palazzo è la sede del Museo Civico di Palazzo Ducale e al suo interno ci sono varie opere d’arte, come quelle di Alvise Viviarini, di Andrea Celesti, di Tintoretto, del Tiepolo (uno dei principali pittori ed incisori del settecento veneziano), di Tintoretto e di Tiziano.

Oltre ai vari dipinti, il Palazzo è un’opera d’arte in sé. La Sala degli Scarlatti è una delle più belle da vedere: essa era destinata ai consiglieri Ducali. Altrettanto bella è la Sala dello Scudo, dove il doge che regnava su Venezia esponeva il suo stemma araldico e teneva le udienza. Sulla parete che si trova al di sopra della porta vi è il San Cristoforo di Tiziano.

La sala principale del Palazzo è la Sala del Maggior Consiglio, una delle più ampie d’Europa. Qui un tempo si riuniva il Maggior Consiglio, ovvero la massima assemblea di Venezia, che riuniva in una sola stanza fino a 2.000 membri. Tra le pitture che abbelliscono questa sala vediamo quelle di Veronese, Tintoretto e Gerolamo Gambarato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *